La fame colpisce i bambini più indifesi

Il 28 maggio è la Giornata Mondiale della Fame. Insieme a più di 8.000 chiese nel mondo, stiamo operando per salvare i bambini dalla fame. Scopri come fare la tua parte!


Dal 2019, la fame è aumentata costantemente. L’impatto di questa piaga nella vita dei bambini ci addolora profondamente, ma non ci arrendiamo: vogliamo rispondere ai bisogni dei bambini che soffrono, insieme ai nostri sostenitori e insieme alle chiese!

Negli ultimi due anni, infatti, abbiamo distribuito distribuito 1.360.956 kit alimentari a 275.877 famiglie. In più, durante la fase più grave della pandemia (2020-2022), abbiamo distribuito più di 23 milioni di scorte di cibo ai bambini e ai loro familiari.

Nel frattempo, ci impegniamo a garantire soluzioni a lungo termine: grazie alla generosità di tanti, doniamo sementi, fertilizzanti, bestiame e formazione agricola, per permettere a chi vive in povertà di sconfiggere il problema della fame.


Emergenza fame in Colombia


In Colombia, per bambini come Johaner e sua sorellina, questi interventi stanno cambiando la vita.

“Quando non abbiamo cibo a casa sono molto triste”, racconta Johaner, 9 anni, che per lungo tempo ha sofferto di malnutrizione. Elis, sua mamma, spesso non poteva mandare suo figlio a scuola. “Era così affamato da non riuscire a seguire le lezioni. Ero preoccupata che venisse bocciato”.


Emergenza fame in Colombia


Compassion collabora con oltre 8.500 chiese in 29 paesi in tutto il mondo. La chiesa locale nel villaggio dove vive Johaner ci ha aiutato a fornire scorte alimentari alla sua famiglia. Il cibo ha aiutato questo bambino a recuperare le forze, la sua salute è migliorata e ora può continuare ad andare a scuola!


Perù: nasce un nuovo centro per l’infanzia, insieme alla chiesa!


La Colombia è solo uno dei tanti paesi alle prese con la crisi alimentare globale. Una combinazione di condizioni meteo estreme, conflitti e povertà ha provocato la peggiore crisi alimentare della storia moderna. I bambini sono i più colpiti: 333 milioni di piccoli vivono in estrema povertà e non sanno da dove verrà il loro prossimo pasto (dati World Bank).

“Stiamo assistendo a un aumento dei bambini colpiti dalla fame. Se non interveniamo, sono costretti a vivere in emergenza”, osserva Faith Magadi, esperta di soccorso in caso di catastrofi per Compassion.


Fame: un ospite sgradito nella vita di donne e bambine


Ad Haiti e in Burkina Faso, altri due Paesi dove Compassion collabora con le chiese locali, oltre il 50% dei bambini è a rischio per colpa della fame. Ce ne accorgiamo ogni volta che un bambino viene iscritto ai nostri centri.

Il primo segnale evidente è l’arresto della crescita, risultato di una cattiva alimentazione durante la gravidanza e nella prima infanzia. I numeri continuano ad aumentare man mano che Compassion e le chiese partner raggiungono le zone più povere del mondo.


Fame: un ospite sgradito nella vita di donne e bambine


“La fame e la malnutrizione gettano un’ombra devastante sullo sviluppo infantile, a livello fisico, cognitivo ed emotivo, racconta la dottoressa Yona Kapere, medico di Compassion. “Questi problemi persistono anche nell’età adulta”.

Oltre agli impatti fisici, i bambini affamati e malnutriti spesso hanno difficoltà con l’apprendimento e la memoria. Questo influisce sul loro rendimento scolastico e su una delle loro principali opportunità per sfuggire alla povertà. Inoltre, spesso lottano con problemi emotivi e comportamentali, come ansia e depressione.


Burkina Faso: in fuga da fame, siccità e violenze


Wennefangdé, 14 anni, è una ragazzina iscritta a un centro Compassion del Burkina Faso, sorto grazie alla collaborazione con una chiesa locale. I nostri volontari forniscono kit alimentari e altre risorse per sostenere la sua famiglia in questi tempi difficili.

“Costretti dai conflitti e dalle violenze, abbiamo dovuto abbandonare la nostra casa, la nostra fattoria, gli asini e le capre per trasferirci in città, racconta il papà Marcel. “Non voglio vedere i miei figli andare a letto a stomaco vuoto.


Burkina Faso: in fuga da fame, siccità e violenze


Allo stesso modo, ad Haiti, una convergenza di eventi, compreso il recente e drammatico aumento della violenza tra bande, ha causato un aumento della fame tra i bambini.

“Anche se la violenza delle bande criminali è limitata ad alcune regioni, molti bambini soffrono di malnutrizione a causa di questo problema”, racconta Abbel Joseph, operatore di Compassion ad Haiti.



Le bande criminali hanno bloccato il flusso di cibo, dai porti verso altre zone di Haiti che ne hanno un disperato bisogno”.

Il popolo haitiano è forte, aggiunge Joseph. “Nonostante le difficoltà, andiamo avanti senza arrenderci. Tuttavia, oggi la situazione è davvero dura: ci sono bambini che non mangiano neppure una volta al giorno.


Aiutaci con una donazione

Sostieni a distanza un bambino

Grazie al sostegno a distanza aiuterai i nostri operatori e i volontari delle chiese locali a prendersi cura delle vite dei bambini che vivono in povertà.

Sostieni a distanza: insieme a te, possiamo fare la differenza.

Sostieni un bambino, ora

Articoli recenti

Ogni mese, le storie più belle nella tua email

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2024 Compassion Italia ETS - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 2 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful